Condividi questa storia

Il segno dei tempi: come i brand riflettono il post pandemia

Indice

È passato più di un anno dalla notte di quel fatidico 9 marzo, quando il Presidente del Consiglio annunciò l’inizio del primo lockdown. Da allora, molti di noi hanno sofferto difficoltà economiche, lutti e solitudine.

 

L’isolamento a cui siamo stati tutti costretti dalla necessità ci ha cambiato, ognuno in modo diverso.

 

Con l’avvio delle vaccinazioni di massa, per molti di noi il ritorno alla vita “normale” non è più un miraggio ma una realtà sempre più concreta.

 

Non stupisce quindi che, nella propria comunicazione, i brand abbiano già iniziato a riflettere i sentimenti contrastanti provocati da questo momento storico senza precedenti.

 

IT’S ALL COMING BACK TO ME NOW

EXTRA GUM, sulle note di “It’s all coming back to me now” di Celine Dion, ci mostra un nuovo mondo, finalmente libero dalle restrizioni, tra lo sconcerto di veder finalmente finire le video conferenze, la soddisfazione di poter tornare ad indossare giacca e cravatta o semplicemente il sollievo di rivedere la luce del sole.

 

L’ entusiasmo è irrefrenabile, i baci appassionati, le corse liberatorie: in questo euforico spot EXTRA GUM ci fa sognare i momenti di gioia che ci attendono alla fine di questo anno nero.

 

 

TEMPI CONFUSI

Burger King, per pubblicizzare il suo Impossible Whopper, usa un approccio meno ottimistico ma altrettanto esilarante.

 

Una serie di situazioni tragicomiche vengono commentate con tono grave e accompagnate da una musica cupa: il risultato è un divertente ritratto di una società ancora incerta su come affrontare la propria ritrovata libertà.

 

 

“Joe si chiede se questo sia lavorare da casa o vivere al lavoro.

Emma ha scoperto che le piace frequentare il profilo di Mark più di quanto le piaccia frequentare Mark.

 

Esteban ha seguito una masterclass di violino online, ma non è neanche lontanamente vicino a diventare un maestro.

Dustin ha comprato un libro sui cambiamenti climatici, ma è stato spedito dall’Inghilterra in aereo avvolto nella plastica. Ora è confuso.

 

Jason si imbatte in una conversazione nella vita reale. Non può disattivare l’audio, non può spegnere la telecamera, non può fare pipì mentre ascolta.

È confuso.

 

Trudy vuole andare in ufficio ma ha anche bisogno di lavorare in pigiama.

Simon e Sara hanno avuto un bambino e ora tutti chiedono quando arriverà il prossimo. Cos’ha che non va questo?

 

Terence sa che dovrebbe starnutire nel gomito, ma non si salutano tutti dandosi il gomito? È confuso.

Questi sono tempi confusi, il che vuol dire che è proprio il momento giusto per mangiare l’Impossible Whopper di Burger King. Un Whopper fatto senza carne di manzo che sa proprio di… Whopper.”

 

DON’T STOP ME NOW

Per pubblicizzare le infinite possibilità creative offerte dal proprio software per il video editing, Adobe realizza uno spot visivamente stupefacente che parla del desiderio di libertà che, oggi più che mai, alberga in ciascuno di noi.

 

Dal confort del proprio divano alla superficie lunare, con la fantasia non esistono luoghi irraggiungibili.

 

 

LE DOMANDE DELL’UMANITÀ

Se c’è una cosa che Google conosce bene, sono le nostre domande. Durante questo lungo inverno, i quesiti che abbiamo posto al motore di ricerca più popolare del mondo rivelano tutte le nostre incertezze e le nostre paure.

 

Possiamo abbracciarci ora? Cos’è l’ansia da riapertura? Come parlare alle persone.

 

Rivelano anche, però, un’umanità pronta a rinascere.

 

Club sportivi vicini. Dove andare ad un primo appuntamento. Come essere il papà migliore.

 

Tutto questo e molto altro lo troviamo nel nuovissimo spot di Google UK:

 

Condividi questa storia